In che ordine giocare i Tomb Raider

Tomb Raider Games

Tutti conosciamo Tomb Raider, la famosa serie di videogiochi pubblicati dal 1996 dalla Eidos Interactive e sviluppato da Core Design. La protagonista del gioco è Lara Croft, archeologa alla ricerca di antichi manufatti continuamente alle prese con pericoli e nemici. Sono proprio le fattezze della giovane Indiana Jones in gonnella ad aver reso celebre Tomb Raider un famoso franchise videoludico con diversi titoli all’attivo oltre a film, fumetti e libri.

Potete trovare tutte le informazioni sulle pellicole nel nostro articolo “In che ordine vedere i film su Tomb Raider”

Ma passiamo al sodo: il 2018 è un anno importante per il brand della signorina Croft. Quest’anno avremo un nuovo film, un nuovo videogioco della saga principale ed il remaster dei primi tre capitoli! Quale occasione migliore per vedere insieme in che ordine giocare i Tomb Raider dal primo famoso capitolo?

Prima serie – Eidos / Core (Universo Originale)

Tomb Raider (1996)

Pubblicato nel lontano 1996, è stato campione di vendite per PC e Playstation. In questo primo capitolo troviamo Lara alla ricerca dei tre pezzi dello Scion, un antico artefatto. Sarà proprio Lara a distruggerlo per salvare il mondo al termine di una rocambolesca avventura.

Tomb Raider II: Starring Lara Croft (1997)

Un anno dopo, nel 1997 esce il sequel, Tomb Raider II. Grazie al successo del primo capitolo, finalmente abbiamo il doppiaggio in italiano. La storia si snoda lungo Cina, Italia e Tibet alla ricerca del potente “Pugnale di Xian”. Come nel primo capitolo, oltre alla storia, possiamo esercitarci nel “maniero Croft”, la gigantesca villa di Lara, attrezzata apposta per farci imparare i comandi.

Tomb Raider III: Adventures of Lara Croft (1998)

Il questo episodio Lara ricerca quattro artefatti ricavati dal materiale di un meteora sparsi per il mondo: la Pietra Infada. Ambientato tra India, Nevada, Oceania ed Inghilterra è suddiviso in 20 livelli più un livello bonus che, se completato, ci permetterà di rigiocare il gioco con tutte le armi e munizioni infinite.
Importante citare “The Lost Artifact”, espansione del gioco uscita esclusivamente per PC nell’anno 2000: migliorie grafiche e di gameplay ci accompagneranno in un’avventura di composta da 6 livelli dislocati tra Scozia, l’Eurotunnel e la Francia.

Tomb Raider: The Last Revelation (1999)

Questo quarto capitolo della saga è diviso in due parti: la prima vede una giovane Lara in Cambogia impratichirsi insieme al suo maestro: questa parte del gioco è utilizzata come tutorial per spiegare i comandi al giocatore. La seconda e più importante parte del gioco è invece ambientata ai giorni nostri in Egitto dove Lara cerca di recuperare l’Armatura di Horus. La fine del capitolo si svolge proprio nel Tempio di Horus dove Lara cercando di sfuggire al crollo della piramide rimane imprigionata sotto le macerie e sembra morta.

Tomb Raider: Chronicles (2000)

Gli amici di Lara, riunitosi per commemorare la sua morte, raccontano ognuno un’avventura dell’eroina: è questo l’espediente narrativo che porta i giocatori in 4 differenti avventure. Il maggiordomo racconta di Roma, Kane racconta di quando tentò di recuperare la lancia del destino, Padre Dunstan ricorda dell’esorcismo sull’Isola Nera e sempre il maggiordomo racconta di quando Lara ha recuperato l’Iride a New York.
Il capitolo si conclude in Egitto dove Von Croy ritrova lo zainetto di Lara ma non il suo cadavere.

Tomb Raider: The Angel of Darkness (2003)

Sesto capitolo della saga, Angel of Darkness doveva essere il primo di una nuova trilogia “nextgen” di Tomb Raider. Pubblicato ancor in fase di sviluppo, è stato fortemente criticato per la trama incomprensibile e la presenza di troppi bug, tanto da essere l’ultimo sviluppato da Core Design. La trama è incentrata su Lara che scappa dalla polizia che la crede l’assassina del suo mentore Von Croy.
Finiamo questa prima serie con un purtroppo: per il lancio italiano del gioco è stato chiesto ai Litfiba di comporre una canzone ad hoc. Da qui è nata “Larasong”, che invece di essere trampolino per il rilancio della band orfana di Pelù non si avvicina nemmeno ai loro storici successi.

Seconda serie – Eidos / Crystal Dynamics (Universo Legend)

Tomb Raider: Legend (2006)

Primo capitolo della nuova trilogia, questo Legend segna il passaggio di mano per lo sviluppo alla Crystal Dynamics dopo il pessimo ultimo prodotto di Core Design. Un progetto totalmente riscritto da zero, nel tentativo di ridare vita ad un brand caduto un pò in disgrazia che ci narra per la prima volta le origini di Lara che cercherà di ricomporre la spada Excalibur, causa della scomparsa della madre.

Tomb Raider: Anniversary (2007)

Quando un brand spinge forte e le vendite vanno bene, i remake sono una ghiotta opportunità per le case produttrici. Ne è un esempio Anniversary, liberamente ispirato al primo episodio della saga. Modificato per far combaciare la trama con Legend e Underworld, il titolo ha utilizzato un motore grafico moderno ed una struttura dei livelli ridotta e semplificata.

Tomb Raider: Underworld (2008)

A chiudere la trilogia c’è Underworld, dove la trama si riallaccia a Legend essendone il seguito effettivo. Nell’avventura Lara cercherà il potente martello di Thor e le antagoniste saranno ancora una volta Jacqueline e Amanda, divenute alleate.

Terza serie – Square Enix / Crystal Dynamics (Universo Survivor)

Tomb Raider (2013)

Eidos viene acquisita da Square Enix e subito viene ufficializzato il nono capitolo ufficiale della saga. La serie viene rinnovata con questo reboot dove viene mostrata una giovane Lara appena ventenne che si imbarca sulla Endurance per portare a termine una scoperta archeologica e si ritrova naufraga su di un’isola in pieno stile Lost.

Rise of the Tomb Raider (2015)

Nel decimo titolo ufficiale della saga, ci troviamo un’anno dopo i fatti del capitolo precedente. Lara non riesce a darsi pace per ciò che ha vissuto sull’isola di Yamatai e parte alla ricerca della verità ma dovrà vedersela con un nuovo nemico: la Trinità.

Shadow of the Tomb Raider (2018)

Dopo la fine del precedente capitolo, si intuiva che ci sarebbe stato un sequel che sarà magari incentrato proprio sulla vita del padre di Lara. Il titolo dovrebbe ambientarsi nelle giungle americane e mi aspetto un gioco degno del brand che mi faccia ancora una volta gridare “Wow!” sia per il comparto grafico sia per la narrazione. Aspettando la data di pubblicazione non possiamo fare altro che visitare il sito ufficiale per restare aggiornati con le news www.tombraider.com e gustarci il trailer ufficiale.